REGINA D’AFRICA

acc12888caf98bc5f081d801bf342478.jpg

                                                  AUDIO: BOB MARLEY, “Redemption Song”

http://viadelcampo.myblog.it/media/02/00/a3445204609cc0cb59afd24836684998.mp3


Amo il tuo sguardo di fiera
E la tua bocca dal gusto di mango
Rama Kam
Il tuo corpo è pepe nero
Che attizza il desiderio
Rama Kam
Al tuo passaggio
La pantera è gelosa
Del caldo ritmo del tuo fianco
Rama Kam
Quando danzi nel chiarore delle notti
Il tam-tam
Rama Kam
Ansima sotto l’uragano Dyunung del griot
E quando ami
Quando ami Rama Kam
E’ il tornado che s’abbatte
E tuona
E colmo mi lascia del respiro di te
Rama Kam.

(Poeta anonimo nigeriano)

 

REGINA D’AFRICAultima modifica: 2007-11-18T13:13:10+01:00da viadel.campo
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “REGINA D’AFRICA

  1. Ciao Carlo,

    hai fatto un’ottima scelta. Belle parole, musicali, intense e si, sensuali, come detto da ire.

    A proposito dei “griot”, delle loro composizioni e delle loro musiche: se già non lo conosci trova ed ascolta Ali Farka Toure, morto da non molto, putroppo. Gli sopravvive la Sua musica.

    Buona serata a Te ed ai Tuoi cari.

    banzai43

  2. CIAO BANZAI, ancora non ho imparato ad entrare bene nel tuo sito e nel tuo blog, scusami, ti rispondo qui…La poesia fa parte di una raccolta di poeti africani, poco noti da noi…però hai ragione, questa mi è piaciuta subito per le parole e per la sua sensualità…A presto e grazie per la visita. Carlo.

  3. Grazie ora vado a leggere la mail.
    Beh, non è solo il G8 di cui non sapremo mai la verità, ce ne sono parecchi di segreti in questo paese.
    Assurdo quel che è successo al ragazzo dell’autogrill.Ma questo cavolo di poliziotto avrà pure dato una motivazione per aver sparato, no? Vorrei proprio sapere qual è. Che ha imparato il mestiere per corrispondenza? Tanto quello che è accaduto è ingiustificabile, ma per sapere che dice.

  4. Insegno italiano come volontaria a un gruppo di africane e sempre mi sorprendo della fierezza e della bellezza di queste donne, che non sempre sono giovani e belle. Hanno una luce negli occhi e una tenerezza nella sguardo quando mi dicono grazie. Ma quale grazie? Loro danno molto, molto di più a me.

Lascia un commento